Puglia | Digital Library

Canestro di ricci

Autori:
Spizzico Raffaele

Argomenti:
Arte

L'immagine è la riproduzione fotografica di “Canestro di ricci”, la natura morta realizzata dal pittore Raffaele Spizzico, artista barese di grande rilievo nel panorama meridionale e italiano, che si inserì bene in quel contesto culturale che animava la città di Bari negli anni ‘50 del Novecento. Erano gli anni in cui la città respirava un forte fermento culturale grazie alla galleria il “Sottano”, punto di incontro per i più grandi intellettuali dell'epoca, luogo in cui lo stesso Spizzico, nel 1954, espose le sue opere insieme a Roberto de Robertis, Martinelli e Morino, segnando il cambiamento della scena artistica locale. Molto attento al tema del paesaggio, a cui dedicò gran parte dei suoi studi, Raffaele Spizzico, partendo dagli esempi del divisionismo postimpressionista francese, sviluppò un nuovo linguaggio pittorico fatto di nuance vivaci e tratti brevi, rinnovando così l'ormai stanca pittura ottocentesca pugliese. La componente cromatica sarà dunque l'elemento distintivo delle opere del maestro; ne è esempio l'opera in oggetto dedicata ai ricci di mare, uno dei cibi più popolari della tradizione enogastronomica pugliese, in cui i colori brillanti trasferiscono quella sensazione emotiva pacata e serena che ritroveremo in tutte le sue opere. Quest'opera, insieme agli amati paesaggi pugliesi, tanto apprezzati nella personale che l'artista porterà nella Galleria "Il Pincio" di Roma sempre nel 1954, lo consacreranno definitivamente sulla scena di quell'epoca. Raffaele Spizzico merita di essere ricordato anche e soprattutto per la bottega "Ceramica Spizzico" che egli stesso con suo fratello Francesco inaugura nel 1950 in Piazza Ferrarese, nel cuore della città vecchia di Bari: luogo in cui entrambi gli artisti lavoreranno come pittori, decoratori mosaicisti e ceramisti per riformulare un nuovo codice stilistico della tradizionale ceramica pugliese.

Creative Commons License
Scheda sintetica
Identificazione
Tipologia
Genere: Immagine fissa
Derivazione: nativo digitale
Oggetto fisico
Argomento Arte
Ambito cronologico sec. XX
Collezione Artisti di Puglia
Descrizione del bene fisico
Categoria Opere d'arte
Dipinti
Titolo Canestro di ricci (preferred Canestro di ricci)
Autore
Nome dell'autore: Spizzico Raffaele (preferred Spizzico Raffaele)
Data di nascita: 1912
Data di morte: 2003
Ruolo: pittore, decoratore, ceramista
Soggetto Natura morta
Datazione
Data inizio creazione: 1981
Data fine creazione: 1981
Copertura geografica Puglia
Localizzazione Puglia
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Modalità d'uso bassa risoluzione
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Gianvito Spizzico
Licenza Creative Commons Public License: Attribuzione - Condividi allo stesso modo - 3.0 IT
Tipo di licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/legalcode
Termini di licenza È consentito: ● Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato ● Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale. Alle seguenti condizioni: ▪ Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. ▪ Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario. ▪ Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.
Informazioni aggiuntive
Note Il progetto "BARCA - Contemporary Art", avviato nel 2015, si pone l'obiettivo di creare un museo permanente di Arte contemporanea composto dalle opere dei più importanti artisti provenienti dall'Accademia barese.