Puglia | Digital Library

Moro come Roosvelt

Argomenti:
TV
Economia e Società
Storia e Tradizioni

Il video in bianco e nero è parte della grande raccolta di materiale storico proveniente dall'archivio audio-visivo delle Teche Rai, di proprietà della Rai - Radio Televisione Italiana S.p.A. Si tratta di un servizio televisivo girato nel 1965 durante la cerimonia di inaugurazione delle Ferrovie Bari Nord, la linea di trasporto ferroviario che unisce ancora oggi il capoluogo pugliese con il nord della regione e che conclude la sua corsa a Barletta. La linea proviene dalla trasformazione della già esistente tranvia Bari-Barletta in ferrovia di tipo elettrico. Lo storico momento si tenne a Bari, in Piazza Roma, il 30 settembre 1965 alla presenza dell'allora Presidente del Consiglio Aldo Moro, grande uomo politico che con la sua storia segnò il Novecento italiano. L'inaugurazione fu un decisivo segno di modernità per la Puglia, celebrato e avviato proprio da un uomo pugliese, nato a Maglie, che per l'occasione attraversò tutte le stazioni della linea ferroviaria.

<>
Scheda sintetica
Identificazione
Natura analogica Materiale video
Genere Immagine in movimento
Argomento TV
Economia e Società
Storia e Tradizioni
Ambito cronologico decennio 1960
Collezione Documentari
Descrizione del bene fisico
Categoria Servizi televisivi
Documentari
Titolo Moro come Roosvelt (preferred Moro come Roosvelt)
Soggetto Aldo Moro
Rai Teche
Ferrovie Bari Nord
Datazione 1965
Copertura geografica Puglia
Bari
Localizzazione
Comune: Bari
Provincia: BA
Regione: Puglia
Nazione: Italia
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Modalità d'uso preview
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Rai − Radio Televisione Italiana S.p.A
Licenza Tutti i diritti riservati
Tipo di licenza ---
Termini di licenza Ove non diversamente indicato, tutti i diritti inerenti le opere pubblicate nel presente archivio restano in capo ai rispettivi titolari (è già specificato nelle policy, cui è opportuno fare rinvio)
Informazioni aggiuntive
Note Il video è parte dell'archivio multimediale Teche RAI.