Puglia | Digital Library

Tessa - 2

Autori:
Cappelli Piero
Nuzzaco Francesco
Nuzzaco Clelia

Argomenti:
Storia e Tradizioni

L'audio fa parte del Fondo Cappelli-Nuzzaco, un'ampia antologia di registrazioni sonore raccolte tra il 1984 e il 1999 dagli studiosi Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco. Si tratta di una serie cospicua di rilevazioni sul campo nate dal desiderio di raccogliere e lasciare traccia delle tradizioni popolari locali e della narrativa popolare orale di Cassano delle Murge, fatta di fiabe, novelle, favole di animali, filastrocche, leggende, canti, stornelli, preghiere della devozione popolare e storie di vita. La narratrice di questa storia è Anna De Bellis (1906-1996), intervistata tra il dicembre 1984 e il settembre 1986 in 23 sessioni. A distanza di pochi mesi, narra nuovamente la storia di Tessa, giovane moglie e donna ingenua. Rimase incinta subito dopo il matrimonio, ma il marito dovette presto partire per l'America in cerca di un lavoro. Per questo rimasta sola, il prete del paese la sedusse con la scusa che lui avrebbe "completato il feto" al posto del marito. Al ritorno dall'America, la moglie ingenuamente raccontò tutto al marito, che volle vendicarsi. Dato il suo bel viso, si travestì da donna e riuscì a farsi assumere come donna di servizio e incominciò a vivere insieme alle tre nipoti del prete, alle quali con il tempo, svelò il suo corpo "trasformato" dopo aver fatto di notte una preghiera alla luna che magicamente aveva esaudito il suo desiderio di avere un corpo maschile. Intanto il prete, che aveva apprezzato la bellezza della "donna", decise di portarla con sé nella casa di campagna. Portata giù in cantina, voleva sedurla, ma con un acuto stratagemma, fu il prete ad essere punito e ad avere pesantemente la peggio! Questa seconda versione deriva dal fatto di voler documentare il nesso tra la novella e la leggenda del Duca Padre di Gravina, un'associazione automatica nel repertorio delle novelle di natura "sconcia", poiché le novelle hanno dettagli e fasi di racconto molto simili tra loro. La leggenda del Duca di Gravina si collega alla storia dello "ius primae noctis", motivo per cui in paese tutti dicono in fondo di essere discendenti suoi.

Creative Commons License
Scheda sintetica
Identificazione
Natura analogica Registrazione sonora non musicale
Genere Suono
Argomento Storia e Tradizioni
Livello di descrizione raccolta prodotta dall'istituzione
Ambito cronologico decennio 1980
Collezione Fondo Cappelli-Nuzzaco
Descrizione del bene fisico
Categoria Documenti sonori
Testimonianze
Titolo Tessa (preferred Tessa)
Autore
Ruolo: Curatore
Nome: Cappelli Piero (preferred Cappelli Piero)

Ruolo: Curatore
Nome: Nuzzaco Francesco (preferred Nuzzaco Francesco)

Ruolo: Curatrice
Nome: Nuzzaco Clelia (preferred Nuzzaco Clelia)
Soggetto Racconti popolari
Folclore
Fonti orali
Datazione 1985-07-19
1985
Performer
Ruolo: Narratrice
Nome: De Bellis Anna (preferred De Bellis Anna)
Copertura geografica Cassano delle Murge
Localizzazione
Soggetto conservatore: Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia (preferred Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia)
Tipo indirizzo: via
Indirizzo: Maggior Turitto
Numero civico: 3
CAP: 70020
Comune: Cassano delle Murge
Provincia: BA
Regione: Puglia
Nazione: Italia
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Modalità d'uso bassa risoluzione
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Piero Cappelli
Francesco Nuzzaco
Licenza Creative Commons Public License: Attribuzione - Condividi allo stesso modo - 3.0 IT
Tipo di licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/legalcode
Termini di licenza È consentito: ● Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato ● Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale. Alle seguenti condizioni: ▪ Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. ▪ Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario. ▪ Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.
Informazioni aggiuntive
Note Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco hanno incontrato 66 abitanti del paese e hanno acquisito, per 50 ore circa di registrazioni sonore, le diverse conversazioni, patrimonio conservato presso il Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia.