Puglia | Digital Library

Ninnella di zucchero

Autori:
Cappelli Piero
Nuzzaco Francesco
Nuzzaco Clelia

Argomenti:
Storia e Tradizioni

L'audio fa parte del Fondo Cappelli-Nuzzaco, un'ampia antologia di registrazioni sonore raccolte tra il 1984 e il 1999 dagli studiosi Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco. Si tratta di una serie cospicua di rilevazioni sul campo nate dal desiderio di raccogliere e lasciare traccia delle tradizioni popolari locali e della narrativa popolare orale di Cassano delle Murge, fatta di fiabe, novelle, favole di animali, filastrocche, leggende, canti, stornelli, preghiere della devozione popolare e storie di vita. La narratrice di questa storia è Anna De Bellis (1906-1996), intervistata tra il dicembre 1984 e il settembre 1986 in 23 sessioni. Narra la storia di un padre vedovo che mandava sua figlia dalla sarta per imparare il mestiere, ma contraddicendo il suo volere, lei di nascosto si recava nella caserma dei carabinieri per "prestare servizio". Scoperta, il padre la mandò in convento dalle monache per imparare a ricamare. Ninnella, che fuggiva spesso di notte, una volta entrò in una casa dove rubò dei soldi che erano lì accumulati. Un'altra volta portò con sè alcune ragazze del convento per prendere altri soldi, ma furono scoperte dai 13 ladri che abitavano la casa. Ninnella allora per salvarsi disse che sarebbe ritornata con tutte e 13 le ragazze. Ma Ninnella aveva architettato tutto e quando di notte tornarono dai ladri, una volta addormentati, gliene combinarono di tutti i colori. Per vendicarsi, il capo dei ladri pensò di andare al convento per donare alle monache 12 sacche piene d'olio, nelle quali in realtà avrebbe nascosto i 12 ladri. Ma Ninnella, furba, intuì immediatamente la trappola e si fece procurare degli spiedi per cucinare la carne. Così, con gli spiedi fatti roventi infilzarono i sacchi di pelle, uccidendo i ladri. Il capo-ladro tentò l'ultima via: mandò l'ambasciata (antica pratica con la quale, mandando un messaggero, si richiedeva la mano di una fanciulla). La superiora, ricevuta notizia, chiese a Ninnella se lo volesse sposare, lei rispose che avrebbe accettato a patto che si facesse un ritratto. Si sposarono ma Ninnella per la prima notte di nozze ricamò una bambola di zucchero che mise nel letto al posto suo. Il ladro finalmente a tu per tu con Ninnella per vendicarsi di tutte le malefatte, le sparò con la rivoltella e la bambola di zucchero esplose in mille pezzi. Così volle spararsi anche lui, ma Ninnella, nascosta sotto il letto, uscì per salvarlo. "E così stanno sposati e in grazia di Dio" conclude Anna De Bellis. Nella favola, si riscontrerebbero almeno 2 filoni narrativi tradizionali: il primo derivante da "Alì Babà e i quaranta ladroni" dunque da "Le Mille e una notte" (il riferimento più vicino è quello dei ladroni nascosti nei recipienti d'olio); il secondo deriverebbe dal racconto "Sapia Liccarda" del "Pentamerone" dove è presente la pupa di zucchero e il riferimento alle schermaglie amorose tra la protagonista e il suo rivale.

Creative Commons License
Scheda sintetica
Identificazione
Natura analogica Registrazione sonora non musicale
Genere Suono
Argomento Storia e Tradizioni
Livello di descrizione raccolta prodotta dall'istituzione
Ambito cronologico decennio 1980
Collezione Fondo Cappelli-Nuzzaco
Descrizione del bene fisico
Categoria Documenti sonori
Testimonianze
Titolo Ninnella di zucchero (preferred Ninnella di zucchero)
Autore
Ruolo: Curatore
Nome: Cappelli Piero (preferred Cappelli Piero)

Ruolo: Curatore
Nome: Nuzzaco Francesco (preferred Nuzzaco Francesco)

Ruolo: Curatrice
Nome: Nuzzaco Clelia (preferred Nuzzaco Clelia)
Soggetto Racconti popolari
Folclore
Fonti orali
Datazione 1985-08-10
1985
Performer
Ruolo: Narratrice
Nome: De Bellis Anna (preferred De Bellis Anna)
Copertura geografica Cassano delle Murge
Localizzazione
Soggetto conservatore: Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia (preferred Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia)
Tipo indirizzo: via
Indirizzo: Maggior Turitto
Numero civico: 3
CAP: 70020
Comune: Cassano delle Murge
Provincia: BA
Regione: Puglia
Nazione: Italia
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Modalità d'uso bassa risoluzione
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Piero Cappelli
Francesco Nuzzaco
Licenza Creative Commons Public License: Attribuzione - Condividi allo stesso modo - 3.0 IT
Tipo di licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/legalcode
Termini di licenza È consentito: ● Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato ● Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale. Alle seguenti condizioni: ▪ Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. ▪ Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario. ▪ Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.
Informazioni aggiuntive
Note Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco hanno incontrato 66 abitanti del paese e hanno acquisito, per 50 ore circa di registrazioni sonore, le diverse conversazioni, patrimonio conservato presso il Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia.