Puglia | Digital Library

La pastinaca

Autori:
Cappelli Piero
Nuzzaco Francesco
Nuzzaco Clelia

Argomenti:
Storia e Tradizioni

L'audio fa parte del Fondo Cappelli-Nuzzaco, un'ampia antologia di registrazioni sonore raccolte tra il 1984 e il 1999 dagli studiosi Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco. Si tratta di una serie cospicua di rilevazioni sul campo nate dal desiderio di raccogliere e lasciare traccia delle tradizioni popolari locali e della narrativa popolare orale di Cassano delle Murge, fatta di fiabe, novelle, favole di animali, filastrocche, leggende, canti, stornelli, preghiere della devozione popolare e storie di vita. Anna De Bellis (1906-1996), narratrice ascoltata tra il dicembre 1984 e il settembre 1986 in 23 sessioni, racconta alla sua intervistatrice (dopo essersi assicurata la presenza della sola donna) la favola de "La pastinaca". Un padre aveva tre figlie. In Francia scoppia la guerra e lui è convocato come soldato. Una delle figlie si propone di andare al posto del padre anziano e, tagliati i capelli e travestitosi da soldato, parte. Prende servizio dal figlio del re di Francia per strigliare i cavalli. E ogni giorno cantava. Il figlio del re va dalla madre cercando di convincerla che è una donna. La madre ritiene la cosa impossibile ma suggerisce al figlio di andare con lui a cogliere le arance, poiché se le avesse mangiate si sarebbe capito che era donna; poi di andare a minzionare durante una passeggiata, infine di dormire una notte insieme. Per tutte e tre le volte, la giovane trovò degli stratagemmi (avvisata da un cagnolino che le riferiva i discorsi tra il figlio e la madre) grazie ai quali convinceva il giovane della sua natura maschile. Finita la guerra, tornò in Francia e al ragazzo lasciò un biglietto con il quale si svelava. Il giovane allora partì alla sua ricerca. Riuscì presto a ritrovarla e se la portò via. La De Bellis conclude "Ora stanno tutt'e due insieme, hanno avuto figli e crescono bene." Il tema della "fanciulla guerriera" che prende il posto del fratello o del padre è molto presente nella tradizione italiana (basti pensare a "Fanta-Ghirò, persona bella" di Calvino) e ben noto alla poesia epico-lirica europea, che trova paralleli nei canti greci e slavi. Il canto piemontese "La guerriera" trova riscontri in Francia, precisamente nella valle bearnese d'Ossau e in una romanza portoghese, ipotizzando un percorso di influenze partito dalla Provenza, trasmesso nella tradizione italica e iberica e giunto con le prime crociate in Grecia e nei paesi slavi.

Creative Commons License
Scheda sintetica
Identificazione
Natura analogica Registrazione sonora non musicale
Genere Suono
Argomento Storia e Tradizioni
Livello di descrizione raccolta prodotta dall'istituzione
Ambito cronologico decennio 1980
Collezione Fondo Cappelli-Nuzzaco
Descrizione del bene fisico
Categoria Documenti sonori
Testimonianze
Titolo La pastinaca (preferred La pastinaca)
Autore
Ruolo: Curatore
Nome: Cappelli Piero (preferred Cappelli Piero)

Ruolo: Curatore
Nome: Nuzzaco Francesco (preferred Nuzzaco Francesco)

Ruolo: Curatrice
Nome: Nuzzaco Clelia (preferred Nuzzaco Clelia)
Soggetto Racconti popolari
Folclore
Fonti orali
Datazione 1985-08-10
1985
Performer
Ruolo: Narratrice
Nome: De Bellis Anna (preferred De Bellis Anna)
Copertura geografica Cassano delle Murge
Localizzazione
Soggetto conservatore: Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia (preferred Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia)
Tipo indirizzo: via
Indirizzo: Maggior Turitto
Numero civico: 3
CAP: 70020
Comune: Cassano delle Murge
Provincia: BA
Regione: Puglia
Nazione: Italia
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Modalità d'uso bassa risoluzione
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Piero Cappelli
Francesco Nuzzaco
Licenza Creative Commons Public License: Attribuzione - Condividi allo stesso modo - 3.0 IT
Tipo di licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/legalcode
Termini di licenza È consentito: ● Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato ● Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale. Alle seguenti condizioni: ▪ Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. ▪ Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario. ▪ Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.
Informazioni aggiuntive
Note Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco hanno incontrato 66 abitanti del paese e hanno acquisito, per 50 ore circa di registrazioni sonore, le diverse conversazioni, patrimonio conservato presso il Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia.