Puglia | Digital Library

Giuseppe venduto dai fratelli

Autori:
Cappelli Piero
Nuzzaco Francesco
Nuzzaco Clelia

Argomenti:
Storia e Tradizioni

L'audio fa parte del Fondo Cappelli-Nuzzaco, un'ampia antologia di registrazioni sonore raccolte tra il 1984 e il 1999 dagli studiosi Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco. Si tratta di una serie cospicua di rilevazioni sul campo nate dal desiderio di raccogliere e lasciare traccia delle tradizioni popolari locali e della narrativa popolare orale di Cassano delle Murge, fatta di fiabe, novelle, favole di animali, filastrocche, leggende, canti, stornelli, preghiere della devozione popolare e storie di vita. Il narratore di questa storia è Pietro Paciolla (1897-1990), intervistato tra l'ottobre 1984 e il dicembre 1989 in 13 sessioni, prevalentemente nella sua abitazione, in un contesto quindi familiare e confidenziale. Questa registrazione dal titolo "Giuseppe venduto dai fratelli" è tra i racconti più lunghi narrati dal Paciolla e riprende in chiave folclorica il racconto biblico tratto da Genesi 37:12-50, un "fatto non recente, lo sanno tutti", con delle varianti. Giuseppe, figlio del profeta Giacobbe, è il penultimo di dodici figli ed è il più amato dal padre tanto da provocare una profonda gelosia da parte dei fratelli pastori che arrivarono al punto di desiderarne la morte. Così un giorno escogitarono un piano: avrebbero dimenticato il pranzo a casa, costringendo Giuseppe a portarglielo e una volta giunto nei campi lo avrebbero ucciso. Visto in lontananza il fratello giungere con il pranzo, la paura ebbe il sopravvento e non ebbero il coraggio di ucciderlo ma, essendoci vicino un pozzo non molto profondo e asciutto decisero di buttarlo lì dentro, dopo avergli tolto le vesti e macchiate con il sangue di un agnello, di modo da far passare la scomparsa come un attacco da parte di una bestia feroce. Il padre, riconosciute le vesti dell'amato figlio, pianse la sua morte e si ammalò. Giuseppe in realtà  venne salvato da dei mercanti provenienti dall'Egitto che lo vendettero come schiavo ad un signore che lo tenne con sé per alcuni anni, affezionandosi molto, anche contro il parere della moglie che, stanca della presenza di quel ragazzo, decise di denunciarlo come ladro e venne incarcerato. In carcere dopo alcuni giorni arrivarono due servitori del Faraone, un coppiere ed un pasticcere (nella Genesi vi è il panettiere ed il coppiere). Una notte, i due fecero ciascuno un sogno e la mattina seguente lo raccontano al loro compagno di cella, Giuseppe. Il pasticcere sognò degli uccelli che mangiavano le paste che portava nei canestri, il coppiere una coppa d'argento con del cibo che il faraone mangiò con molto gusto. Giuseppe sentenziò che il primo sarebbe morto e mangiato da degli uccelli, mentre secondo sarebbe stato liberato e ricondotto a palazzo. Così avvenne. Passarono dei mesi, il racconto si sposta nel palazzo, il Faraone una notte fece due strani sogni, in uno vi erano sette vacche grasse seguite da sette vacche molto magre, che pur mangiando le prime non ingrassavano; nel secondo sette spighe piene di grano ed altre sette vuote ed arse dal vento. Volendo conoscere il significato di questi sogni il Faraone richiede a palazzo qualcuno che sapesse interpretarli e così il coppiere si ricordò di Giuseppe. Dopo aver ascoltato il racconto dei sogni, Giuseppe spiegò che le sette vacche grasse e le sette spighe piene erano il simbolo dei sette anni di grande abbondanza che avrebbero investito tutto il paese d'Egitto, mentre le sette vacche magre e le sette spighe vuote i sette anni di carestia che avrebbero seguito questo periodo. L'interpretazione dei sogni e i consigli di Giuseppe colpirono il Faraone che decise di metterlo a capo di tutta l'operazione di raccolta nei depositi e distribuzione dei viveri durante gli anni di abbondanza e di carestia. Gli anni di carestia arrivarono anche in Egitto ed Giacobbe inviò i figli a recuperare dei sacchi di grano. Giunti ai depositi nessuno riconobbe il fratello Giuseppe che invece li riconobbe subito. Per vendicarsi fece riempire i sacchi non di grano ma di denaro e nel sacco del fratello più piccolo Beniamino fece mettere una coppa d'argento. Una volta partiti Giuseppe li accusò di essere dei ladri e mandò dei soldati a prenderli lungo la strada. Catturati, minacciò di incarcerare Beniamino e fu allora che confessò la sua identità agli altri fratelli, pregandoli di tornare dal padre e di dirli la verità. Dal racconto è stato tratto anche un film omonimo del 1960 per la regia di Irving Rapper, del quale la Mediateca Regionale Pugliese conserva il manifesto ed alcune fotobuste.

Creative Commons License
Scheda sintetica
Identificazione
Natura analogica Registrazione sonora non musicale
Genere Suono
Argomento Storia e Tradizioni
Livello di descrizione raccolta prodotta dall'istituzione
Ambito cronologico decennio 1980
Collezione Fondo Cappelli-Nuzzaco
Descrizione del bene fisico
Categoria Documenti sonori
Testimonianze
Titolo Giuseppe venduto dai fratelli (preferred Giuseppe venduto dai fratelli)
Autore
Ruolo: Curatore
Nome: Cappelli Piero (preferred Cappelli Piero)

Ruolo: Curatore
Nome: Nuzzaco Francesco (preferred Nuzzaco Francesco)

Ruolo: Curatrice
Nome: Nuzzaco Clelia (preferred Nuzzaco Clelia)
Soggetto Racconti popolari
Folclore
Fonti orali
Datazione 1985
1985-02-22
Performer
Ruolo: Narratore
Nome: Paciolla Pietro (preferred Paciolla Pietro)
Copertura geografica Cassano delle Murge
Localizzazione
Soggetto conservatore: Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia (preferred Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia)
Tipo indirizzo: via
Indirizzo: Maggior Turitto
Numero civico: 3
CAP: 70020
Comune: Cassano delle Murge
Provincia: BA
Regione: Puglia
Nazione: Italia
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Modalità d'uso bassa risoluzione
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Piero Cappelli
Francesco Nuzzaco
Licenza Creative Commons Public License: Attribuzione - Condividi allo stesso modo - 3.0 IT
Tipo di licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/legalcode
Termini di licenza È consentito: ● Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato ● Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale. Alle seguenti condizioni: ▪ Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. ▪ Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario. ▪ Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.
Informazioni aggiuntive
Note Piero Cappelli, Clelia e Francesco Nuzzaco hanno incontrato 66 abitanti del paese e hanno acquisito, per 50 ore circa di registrazioni sonore, le diverse conversazioni, patrimonio conservato presso il Museo del Territorio di Cassano e dell'Alta Murgia.