Puglia | Digital Library

Masseria Jesce - Prospetto laterale

Argomenti:
Storia e Tradizioni
Architettura
Ambiente e Paesaggio

La fotografia fa parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume “Le masserie di Puglia come Bene Culturale” in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine è un'affascinante ripresa dal basso del prospetto laterale di Masseria Jesce, generata in bianco e nero e successivamente post prodotta. L'opera evidenzia la linearità di forme e la chiarezza strutturale tipica delle costruzioni pugliesi di questo tipo, per la maggior parte edificate usando il tufo delle cave, modellato in blocchi parallelepipedi, che donano alla costruzione un aspetto possente e regolare. In alto si scorgono le garitte pensili, che ne connotano l'originario uso a scopo difensivo e la rendono un esempio architettonico particolare della zona come antica struttura fortificata. Masseria Jesce si trova nell'area di Altamura, in contrada Jesce, ed è oggi proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della Masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Déesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano, alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.

Creative Commons License
Scheda dettagliata
Identificazione
Tipologia
Genere: Immagine fissa
Derivazione: nativo digitale
Oggetto fisico
Argomento Storia e Tradizioni
Architettura
Ambiente e Paesaggio
Ambito cronologico sec. XVI
Collezione Masserie di Puglia
Descrizione del bene fisico
Categoria Beni architettonici
Titolo Masseria Jesce (preferred Masseria Jesce)
Soggetto Masserie
Descrizione La fotografia fa parte di una più ampia raccolta di fotografie realizzate per il progetto di censimento di 248 masserie pugliesi avviato da Giancarlo Chielli, professore del corso in Beni Culturali e Ambientali presso l'Accademia di Belle Arti di Bari. Il lavoro svolto ha dato vita al volume “Le masserie di Puglia come Bene Culturale” in cui sono presenti alcuni scatti di masserie pugliesi tra cui quella in oggetto. L'immagine è un'affascinante ripresa dal basso del prospetto laterale di Masseria Jesce, generata in bianco e nero e successivamente post prodotta. L'opera evidenzia la linearità di forme e la chiarezza strutturale tipica delle costruzioni pugliesi di questo tipo, per la maggior parte edificate usando il tufo delle cave, modellato in blocchi parallelepipedi, che donano alla costruzione un aspetto possente e regolare. In alto si scorgono le garitte pensili, che ne connotano l'originario uso a scopo difensivo e la rendono un esempio architettonico particolare della zona come antica struttura fortificata. Masseria Jesce si trova nell'area di Altamura, in contrada Jesce, ed è oggi proprietà del Comune di Altamura. Fu costruita nel XVI secolo circa come unico corpo di fabbrica, a due livelli: il sottostante per accogliere gli spazi delle stalle e dei depositi, il secondo per le stanze ad uso nobiliare ed abitativo. Un salone conserva tuttora una volta lunettata. La struttura della Masseria, a blocco rettangolare, pare sia stata edificata sul luogo dove antiche cronache di epoca romana attestano la presenza di una postazione di smistamento e un luogo di ristoro, sulla Via Appia che collega Gravina in Puglia con Taranto, funzione che ha mantenuto nel tempo per le greggi durante la transumanza. Al di sotto della masseria, una cripta conserva affreschi trecenteschi. La Déesis (Cristo benedicente tra la Madonna e San Giovanni Battista) è attribuita al pittore Giovanni da Taranto insieme al ciclo mariano, alle pareti la serie dei Santi fu realizzata nel Seicento e attribuita a Didaco de Simone. Il complesso fu poi ampliato nei secoli successivi e mantiene ancora funzioni produttive.
Datazione
Data inizio creazione: 1500
Data fine creazione: 1599
Contesto culturale pugliese
Periodo storico e stile antico stile architettonico italiano
Copertura geografica Puglia
Murgia
Localizzazione
Regione: Puglia
Provincia: BA
Comune: Altamura
Coordinate geografiche
Latitudine: 40.751066
Longitudine: 16.646646
Codice identificativo interno
Informazioni di dettaglio sulla risorsa digitale
Soggetto responsabile della digitalizzazione Accademia di Belle Arti di Bari
Progetto di digitalizzazione http://www.accademiabelleartiba.it/
Stato della digitalizzazione digitalizzazione completa
Modalità d'uso bassa risoluzione
Formato digitale
Tipo di formato: image/jpeg
Versione: jpeg
Compressione JPG
MIME Type image/jpeg
Dimensione file (bytes) 1215288
Altezza 1078
Larghezza 1280
PixelXDimension 1280
PixelYDimension 1078
Resolution Unit 2
x-Resolution 2400000:10000
y-Resolution 2400000:10000
Color Space 1
Exif Version 48, 50, 50, 49
Exposure Bias 0:6
Exposure Time 1:320
ExposureProgram Manual
File Source 3
Flash Flash did not fire
Fnumber 11:1
Focal Length 140:10
MaxApertureValue 30:10
Metering Mode Pattern
Orientation normal
Software Adobe Photoshop CS6 (Macintosh)
Tipologia dello strumento di acquisizione fotocamera digitale
Produttore fotocamera NIKON CORPORATION
Modello dello strumento di acquisizione NIKON D700
Data e ora di digitalizzazione 2012-12-28T11:53:54Z
Data e ora file originale 2012-12-28T11:53:54Z
Diritti
Accessibilità uso pubblico
Detentore dei diritti Accademia di Belle Arti di Bari
Roberto Sibilano
Proprietà intellettuale Roberto Sibilano
Dichiarazione dei diritti Delibera Regione Puglia
ID dichiarazione dei diritti D.G.R. 17 aprile 2015, n. 766
Tipo di concessione license
Licenza Creative Commons Public License: Attribuzione - Condividi allo stesso modo - 3.0 IT
Tipo di licenza http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/it/legalcode
Termini di licenza È consentito: ● Condividere — riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare questo materiale con qualsiasi mezzo e formato ● Modificare — remixare, trasformare il materiale e basarti su di esso per le tue opere per qualsiasi fine, anche commerciale. Alle seguenti condizioni: ▪ Attribuzione — Devi riconoscere una menzione di paternità adeguata, fornire un link alla licenza e indicare se sono state effettuate delle modifiche. Puoi fare ciò in qualsiasi maniera ragionevole possibile, ma non con modalità tali da suggerire che il licenziante avalli te o il tuo utilizzo del materiale. ▪ Stessa Licenza — Se remixi, trasformi il materiale o ti basi su di esso, devi distribuire i tuoi contributi con la stessa licenza del materiale originario. ▪ Divieto di restrizioni aggiuntive — Non puoi applicare termini legali o misure tecnologiche che impongano ad altri soggetti dei vincoli giuridici su quanto la licenza consente loro di fare.
Servizi Copia su CD o DVD
Informazioni aggiuntive
Bibliografia G. Chielli, Le masserie di Puglia come Bene Culturale, Accademia di Belle Arti, Bari 2013
Risorsa associata
Risorsa esterna associata: https://www.viaggiareinpuglia.it/at/135/strutturarurale/2446/it/Masseria-Jesce
Tipo di risorsa associata: Sito web